Pagina principale

Da 6viola_wiki.

6 VIOLA

6 viola news

6 VIOLA è una delle iniziative de ''IL POPOLO VIOLA"

E' utile fare un po' di STORIA ..

Il popolo viola nasce dalla "profezia" di un personaggio che alcuni di noi hanno conosciuto (ndr: io l'ho conosciuto), che è però voluto rimanere anonimo e che si faceva chiamare ''San Precario"

Il succo del suo ragionamento era che non ci si deve aspettare di affidarsi a Godot oppure a San Precario per avere diritto ad uno spazio espressivo e ci si deve accorgere che le condizioni del 99% della popolazione sono in un continuum di peggioramento economico e di opportunità di avere uno spazio nella società.. a meno di non "sintonizzarsi" con il sistema occulto "degli amici degli amici" che instaurano una sorta di nuovo feudalesimo. In tale feudalesimo ti è concesso di non essere emarginato se si risponde alla domanda ".. lei chi conosce?" .. quindi una ragnatela di concessioni non per una struttura aperta di merito, ma di favori tendenti a scavalcare che "LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI".

Tra coloro che sono stati presi di mira per il fatto che si considerano "i più uguali di Orwell" (dal romanzo "La fattoria degli Animali di Orwell") -nel 2009- il popolo viola, come organizzazione orizzontale, propone una giornata contro il Berlusconismo che chiama ''NO B Day". La organizzazione parte da una pagina di facebook tuttora attiva [2] a cui aderiscono quasi mezzo milione di persone (oggi -30 luglio 2013- 457 mila) e vengono raccolti anche dei fondi per le spese del palco della manifestazione che si svolgerà a Roma il 5 dicembre 2009 a Piazza San Giovanni [3]

I primi problemi nascono quando la iniziativa si sposta sulle pagine cittadine o regionali (sempre in rif a facebook) e si deve elaborare una linea politica.

Analogamente a come succederà poi con occupy [4] e indignados [5] il potere tenterà una opera di "colonizzazione" grazie a contattare persone del movimento e offrire supporto a finanziare manifestazioni, organizzare spazi per le riunioni, etc.

Chi ha vissuto questo fenomeno VIOLA da dentro sa però che le infiltrazioni sono state (per i viola) minoritarie e con lo scopo specifico o di cercare di dirigere dall'esterno o screditare il movimento.

Fatto sta che una prima scissione è avvenuta al formarsi della "rete viola" per conflitti sulla linea politica con la pagina nazionale di facebook, e altre scissioni sono avvenute in seguito, compresa la "corrente" che ha aderito al progetto "6 viola" che ora state osservando. Le divergenze erano naturalmente- sul carattere ORIZZONTALE del Movimento VIOLA, esattamente a ciò che succede anche nel M5S [6] che oscilla tra struttura orizzontale e verticale con spinte della BASE a indicare una linea.. e dei VERTICI una diversa linea.. spesso non concordata con la BASE, o come (a) incipit (chi deve decidere una manifestazione?), o come (b) elaborazione (come si forma una piattaforma di iniziative?) , o come (c) supervisione (chi controlla i risultati di una votazione on line?).

6 VIOLA si propone in definitiva un progetto unionista, pacifico, democratico, ORIZZONTALE, iper-ORIZZONTALE [7]. Poiché è utopia pensare di raggiungere democraticamente e pacificamente una capacità di gestione delle istituzioni democratiche con una politica solo frontista, antagonista che dica a cosa sei contro e non invece cosa proponi.

Il nostro dialogo è quindi a tutte le forze politiche e a tutti i movimenti e in specie a quelli in cui la democrazia sia orizzontale. In cui è la assemblea che elegge i suoi portavoce, e ciò non sia finzione ma REALTA' di come si forma una linea politica.

Partiamo dalla necessità di fare informazione poiché i media e i mass media spesso sono a loro volta colonizzati a offrire una realtà deformata per non consentire un esame realistico dei fatti, per una egemonia di élite.

Affermiamo che deve essere alzato il velo sulla realtà ESOTERICA di come è gestita la cosa pubblica compresa e -in primis- la EMISSIONE MONETARIA.

Nel seguito metteremo i collegamenti alle nostre basi di dati e al metodo con cui ci stiamo organizzando.

Chi voglia collaborare può scriverci alla seguente casella di posta elettronica e quindi potrà avere accesso alle risorse condivise, gestite in un clima di collaborazione, ma anche di responsabilità di dare conto della propria azione:

"mailto:pasquale.tufano@libero.it"

Blog di 6 VIOLA: [8]

P.S. Oggi, 30 luglio 2013, è la data di nascita di questo spazio.



IN PRIMA PAGINA

13 marzo 2019 Medici e sanitari dicono “NO” all’obbligo vaccinale

Nota Bene: Il testo di legge (in studio) è al link seguente: http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/01074419.pdf

dunque in merito all’accertamento se sia rivolto (il testo di legge) “erga omnes”, e cioé verso tutti gli italiani o solo ad un sotto insieme degli italiani, va evidenziato il seguente passaggio: ciò può essere desunto dalla pagina 2 del link precedente che riportiamo qui di seguito in formato fotografico:


Dunque si evince -dal testo qui di fianco-

cito:

Il decreto-legge 7 giugno 2017, n.73, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2017, n.119,recante «Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale, di malattie infettive e di controversie relative alla somministrazione di farmaci», ha stabilito all’articolo 1,commi 1 e 1-bis, che

per i minori di età compresa tra zero e sedici anni e per tutti i minori stranieri non accompagnati sono obligatorie e gratuite, in base alle specifiche indicazioni del calendario vaccinale nazionale relativo a ciascuna coorte di nascita, le vaccinazioni: anti-poliomielitica; anti-difterica; anti-tetanica; anti-epatite B; anti-pertosse; anti-Haemophilus influenzae tipo b; anti-morbillo; anti-rosolia; anti-parotite; anti-varicella.

Siamo quindi nello scenario per cui “La Legge NON è uguale per tutti” ma viene applicata solo come dettato verso “soggetti discriminati per età”.

Infatti come si legge nel seguente articolo:

Medici e sanitari dicono “NO” all’obbligo vaccinale https://www.liberascelta.org/medici-sanitari-contro-obbligo-vaccinale/

in base a che ragionamento?

cito:

Qualora il Ministero della Salute avesse esteso la proposta di vaccini obbligatori agli operatori sanitari, questi si sarebbero opposti con tenacia. Così avviene in Emilia Romagna, dove i sindacati della sanità, primi fra tutti quelli dei medici, si rifiutano di siglare accordi con la Regione che vorrebbe imporre la vaccinazione a tutti gli addetti ai lavori.

Cosa pensano i medici sull’introduzione di obblighi vaccinali nel loro settore?

Per loro la vaccinazione dev’essere una “scelta individuale, imporla è un errore“. Così come viene proposta dalla Regione, con carattere obbligatorio, dicono: “…è un provvedimento coercitivo“, “viene meno l’autodeterminazione sancita dalla Costituzione“, o ancora: “…come si può avallare un documento che ha aspetti punitivi?“. Queste le dichiarazioni, in barba a quanto sostenuto finora sull’obbligo vaccinale pediatrico che, probabilmente, non riguardandoli direttamente, non destava preoccupazioni. Si stenta a credere siano le stesse persone che hanno privato di ogni margine decisionale le famiglie italiane.


Archivio News: 6viola_wiki:Ark_Prima