www.partitoviola.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home

Israele sta uccidendo anche i giornalisti, oltre che i medici, le donne e i bambini, e i malati

E-mail Stampa PDF

Quello che vediamo è Issam Abdallah, giornalista libanese della Reuters. Non è stato un incidente. Israele sta bombardando intenzionalmente le postazioni dei giornalisti al confine con il Libano. Tel Aviv sta calpestando qualsiasi possibile norma del diritto internazionale in tema di guerra.

fonte:
https://t.me/cesaresacchetti/11696

6viola:
Per motivare "I POPOLI" alla guerra ..
la propaganda si guarda bene dal dire la verità sulle atrocità che la guerra realizza.

Ma estirpare il popolo di Palestina chiudendolo dentro un campo chiuso, senza vie di fuga, non solo una campo di concentramento, ma di STERMINO ...

ed accusando Hamas, che sia Hamas di dire che "donne e bambini non devono andare via perché devono usarli come *scudi umani*" ...

è violare l'antica LEGGE data a Mosé su cui è fondato l'EBRAISMO, in quanto si vìola il comandamento di "NON DARE FALSA TESTIMONIANZA" e "NON UCCIDERE".

Israele aveva sperimentato, a seguito di una grande carestia di essere emigrato in Egitto, e poi fatto schiavo dai faraoni d'Egitto.

In memoria di quella schiavitù, e della fuga dall'Egitto, il Signore gli ricordava attraverso Mosè, "ricordati che sei stato schiavo in Egitto", per ricordare il PATTO DI AIUTO.

"NON fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a TE".

La dinamica di come il GOVERNO attuale, ipotizza che si possa sopprimere un intero POPOLO di Palestina, infrange l'antico PATTO.

Non solo chi abita in Israele, ma tutto il mondo che usa 2 pesi e 2 misure nel giornalismo, corrompe il concetto che la STAMPA e i MASS MEDIA possano raccontare che è LECITO considerare che una razza (in questo caso di Israele) possa essere considerata SUPERIORE.

Lo spiegava bene Orwell ne "La fattoria degli animali" siamo tutti uguali, ma qualcuno è più uguale degli altri (nel racconto di Orwell): per la razza superiore non valgono le leggi che i sottomessi sono tenuti ad osservare.

Alcuni governi -come quello di ITALIA- consentono le manifestazioni di appoggio del diritto dei PALESTINESI AD AVERE UNA TERRA, ma si schierano ugualmente con i crimini di guerra dell'attuale governo in Israele.

Ciò corrompe i patti sociali per cui "LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI".

In Francia, ed in altri paesi UE, la situazione è ancora più esasperata: per cui alla POLIZIA è ordinato di picchiare la folla che manifesta pacificamente a favore della PALESTINA.

Si pensa che la VERITA' falsata che in Israele vi è una guerra come tante, sia un fatto NORMALE (!), NORMALE perché si impone una versione UFFICIALE diversa dalla REALTA'!

Tuttavia ciò indebolisce non solo Israele, ma tutti i PAESI, COME NAZIONI, del mondo.

Perché tratta come BESTIAME ACEFALO, cioé senza cervello, chi segue i Mass Media (in ITALIA si usa l'espressione "POPOLO BUE, anziché POPOLO SOVRANO, art.1 della Costituzione").

Stiamo calpestando -chi non spiega la verità che gli risulta tale- il valore SACRO della VERITA'.

Questa dinamica sta avendo ed avrà delle conseguenze.

Invito TUTTI, ad onorare la VERITA', PACIFICAMENTE, SENZA BISOGNO DI VIOLENZA, poiché sarà la VERITA', cioé sapere i fatti,  A FARCI LIBERI.

--

AGGIORNAMENTO 15-OTT-2023, ORE 21.53

Guerra Israele - Hamas

La guerra è anche una strage di giornalisti. 12 sono stati uccisi in pochi giorni

Altri otto giornalisti sono stati feriti e due dispersi, probabilmente presi come ostaggi da Hamas

--

fonte:
https://www.rainews.it/articoli/2023/10/la-guerra-e-anche-una-strage-di-giornalisti-12-sono-stati-uccisi-in-questi-giorni-dc5a32a8-0685-426d-9dbc-0f612e312740.html

 

Notizie flash

euro nuova arma di distruzione di massa: Stefano Fassina spiega il perch alla direzione del PD: http://youtu.be/nECsQNZ31dY un imprenditore si suicida dopo avere ucciso due funzionari che gli negano un accredito e lo spiega con la classe media strangolata e portata alla follia (6 marzo 2013) http://www.repubblica.it/cronaca/2013/03/06/news/